Piccole donne

 

 

Carissimi amanti dei libri,📚

durante il mese di aprile, con il GdL #classicsinfriendship abbiamo letto il libro di Louise May Alcott “Piccole donne”… per me, in realtà, è stata una rilettura dopo tantissimi anni.
Tutti conosciamo la storia di “Piccole donne”, pubblicato per la prima volta nel 1868 è diventato un libro di formazione per tante generazioni di giovani donne…
ma perché leggere o rileggere questo romanzo?

Perché le sorelle March ci aiutano a comprendere i valori su cui fondano le loro relazioni: onestà, sorellanza, determinazione, una grande voglia di essere indipendenti e di coltivare i sogni che portano nel cuore. Meg, Jo, Beth ed Amy sono diverse nella personalità, nell’età e nei desideri ma questo non intacca la solidità del loro rapporto che fa da sfondo a tutta la vicenda e… non può mancare colei che, in maniera sempre presente e cortese, fa da collante nella famiglia, ossia la signora March. La madre, in attesa del ritorno del marito dalla guerra di Secessione, si occupa con grande cura delle ragazze e le aiuta a vivere in maniera libera le loro esperienze, con qualche piccolo momento in cui le invita alla riflessione.

▶️Un quadro familiare che dà spunti di riflessione e sono certa che, nella lettura, ci sarà una delle quattro ragazze in cui ci identifichiamo in maniera particolare. Nel mio caso, mi sento molto vicina all’anticonformista Jo… le assomiglio proprio tanto! Piccole donne è un romanzo che vi consiglio, sempre attuale e con la caratteristica di farci sentire un po’ parte della famiglia March!

Lo hai letto❓ Con quale delle ragazze ti senti più in sintonia❓ Meg, Jo, Beth o la piccola Amy❓

Roberta Salis

Condividi sui social

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina