Sussurri

Autrice: Ashley Audrain

Edito da Rizzoli

Pubblicato nell’ottobre del 2023

Pag. 360

Genere: Thriller psicologico

DESCRIZIONE DEL LIBRO

I Loverly, proprietari della casa più lussuosa di Harlow Street, hanno organizzato un pomeriggio di fine estate tra amici: un party favoloso dal primo all’ultimo dettaglio, ma solo fino a quando Whitney Loverly, l’impeccabile padrona di casa, donna magnetica che richiama in egual modo malevolenze e ammirazione, si scaglia urlando contro il primogenito di dieci anni. Una scenata che gela all’istante l’atmosfera festaiola e gli invitati. Nove mesi più tardi, verso mezzanotte, quello stesso bambino cade dalla finestra della sua cameretta ed entra in coma. Whitney gli siede accanto nella stanza d’ospedale satura di apprensione e angoscia, rifiutandosi di parlare con chiunque, compresa la sua migliore amica Blair, di cui non riesce nemmeno a sopportare la vista. I fatti che seguono nei tre giorni successivi, mentre si consuma il dramma del piccolo Xavier, la cui sorte è sospesa in un fermo immagine, stringono il campo sulle famiglie di Harlow Street. In particolare, sulle tre donne che ruotano intorno a Whitney – Blair, Rebecca, Mara – di cui vengono svelati segreti e bugie: sussurri, che a poco a poco s’insinuano sotto la spessa coltre che ha sempre protetto, o meglio coperto, i rapporti di buon vicinato. I sussurri sono le invidie, i desideri, le confusioni, le intuizioni silenziate; e Ashley Audrain si conferma maestra di seduzione nel delineare le paure e la furia delle donne quando diventano madri, quando diventano amiche, ogni volta che scelgono.

RECENSIONE

Carissimi Amanti dei libri,

oggi un domestic thriller!

Se avete amato “La spinta” avrete avuto modo di conoscere la scrittura e la bravura di Ashley Audrain che questa volta ci presenta il libro “Sussurri”. La caratteristica di questo libro sono le “vibes” meno intense ma la trama vi terrà incollati alle pagine. Quando l’ho iniziato non volevo smettere di leggere… ma no, non preoccupatevi, non è poi così “thriller”, io non ho percepito tutta questa tensione ma di sicuro ero attratta dalla forte curiosità nella lettura. Volevo capire dove l’autrice mi avrebbe condotta nella lettura.

Tutto si svolge in un quartiere residenziale, con case invidiabili e vicini che si conoscono e che sono soliti frequentarsi. All’apparenza i loro rapporti di buon vicinato sono invidiabili, forse noi non siamo così fortunati! O forse sì, chi lo sa…

In questo libro oltre al tema genitori e figli, troviamo anche quello di coppia ed il legame di amicizia tra adulti e tra bambini, con diversi risvolti, il lutto, il desiderio esasperato di un figlio, la perdita. Ciascun tema fa riflettere perché molto, molto reale e toccante.

Infatti, ogni famiglia ha la propria vita e il proprio lavoro, figli da educare, vite diverse. Gli impegni di ogni nucleo familiare non impedisce, come scrivevo prima, il mantenimento dei rapporti di cortesia e di amicizia con i propri vicini. Anche perché i figli sono amici tra loro.

Tra i protagonisti si distinguono quattro donne: Whitney, Blair, Rebecca e Mara… che nel libro alternano la loro voce per sussurrarci cose che forse non eravamo pronti a conoscere…

Ogni voce che si alterna nel racconto incrina quella facciata meravigliosa che negli anni i vicini di casa hanno mostrato a tutti. Inevitabilmente, crepa dopo crepa, tutto crolla, basta un attimo, basta un incidente!

Ogni voce ci narra pensieri intimi e che non avremmo mai immaginato.

Xavier, figlio di Withney, finisce in ospedale e da qui in poi… ogni sussurro che udrete farà risuonare il vuoto dell’apparenza cementata in tanti anni di finto perbenismo!

Non tutto è perfetto.

Tra il detto e non detto, tutto si rivelerà fino alla verità.

Non vi ho raccontato molto, vero?

Se lo facessi vi rovinerei la lettura, per cui lascio a voi la scoperta di ogni “sussurro” che vi sveli, poco a poco… come andrà a finire!

Mi è piaciuto? Molto. L’aspetto psicologico è preponderante lungo le pagine e non risparmierà a nessuno nemmeno le verità più scomode. Nulla è distante dalla realtà, anzi, tutto è fin troppo reale. Reale come le notizie che sentiamo ogni giorno, reale come quelle cose che veniamo a sapere di nascosto che ci sconvolgono…

Ecco, anche qui, resterete un po’ sconvolti o coinvolti, dipende dai punti di vista.

No, non mi aspettavo il finale e nemmeno tanta luce sulle ombre di vite apparentemente perfette. C’è sempre da stare in guardia!

Inaspettato, coinvolgente e angosciante… sì, certe pagine mi hanno toccato nel profondo.

Roberta Salis

Condividi sui social

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina