Il giardino segreto

Autrice: Frances Hodgson Burnett

Traduttore: Luca Lamberti

Edito da Einaudi

Collana ET Classici

Pubblicato nel giugno del 2016

Pag. 258

 

 

DESCRIZIONE DEL LIBRO

 

Protagonista del Giardino segreto è la piccola Mary Lennox, una bambina di nove anni che, orfana di entrambi i genitori, viene affidata a uno zio, il nobile gobbo lord Archibald Craven che vive in un tetro castello sperduto nella brughiera. Qui Mary scopre che la natura malinconica dello zio è dovuta alla morte della moglie Lilias avvenuta nel loro giardino personale. A causa della disperazione, lo zio Archibald aveva chiuso quel giardino e fatto sotterrare la chiave, così che nessuno potesse mettere piede in quel luogo “sacro”. Mary, con l’aiuto del pettirosso del giardiniere, trova la chiave che le occorre per aprire quel misterioso giardino e riesce a penetrarvi. Ma ben presto la piccola orfana si troverà alle prese con un altro insospettato segreto. Con una particolare attenzione al mondo interiore dei personaggi e ai rapporti con la natura Frances Hodgson Burnett, nonostante abbia scritto una tenera e appassionata favola, ha lasciato che la vita vera e reale emergesse da ogni pagina.

 

 

RECENSIONE

Carissimi Amanti dei libri,

con il GDL #classicsinfriendship abbiamo letto il libro di Frances Hodgson Burnett “Il giardino segreto”, un libro coccola, un libro che mi ha regalato momenti di grande serenità e riflessione…

La protagonista è una bambina che, orfana di entrambi i genitori, viene affidata alle cure di uno zio, un nobile scorbutico, gobbo, silenzioso e profondamente assente… Lord Archibald Craven che possiede un enorme castello nella brughiera con centinaia di stanze chiuse e che devono restare tali.

L’uomo scorbutico, in realtà, porta nel cuore un enorme macigno. Il suo animo si è chiuso in seguito alla morte della sua amata Lilias, la moglie… una donna dolcissima che amava follemente stare in giardino e coltivare i fiori, una donna che ha chiuso gli occhi dando la vita…

Mary è viziata, intrattabile, incapace di fare tutto… lei ha sempre vissuto dando ordini, non sa essere indipendente in nulla nemmeno nel vestirsi, sa solo esigere e giudicare, è permalosa e scontrosa… Sarà il rapporto con la semplicità e la bontà di Martha, una delle cameriere, ad iniziare a mandare in frantumi tutto ciò che ha conosciuto per fare spazio ad una nuova vita…

Una vita non più da sola, non più come una bimba altezzosa ma come un fiore che si apre alla vita, all’amicizia, alla crescita, a quel senso di famiglia che forse non ha mai sperimentato davvero fino ad ora…

Quando Mary, pallida e annoiata, scopre l’esistenza di un giardino segreto, nascosto agli occhi di tutti, la sua vita inizierà a sbocciare, a trovare nuova linfa perché come nel giardino strapperà ciò che impedisce di vivere anche nella sua vita cadranno paure, barriere e quella prepotenza che l’aveva sempre caratterizzata… e questo cambiamento lo farà in compagnia di due ragazzi speciali… il piccolo Colin e Dickon… Perché sono speciali questi due ragazzini? Non voglio rovinarvi la lettura.

Meravigliosa la presenza della signora Susan Sowerby, saggia e materna, una donna sempre con le parole giuste al momento giusto e con un amore che raggiunge il lettore, una presenza discreta che trasuda bellezza… e che mi ha un po’ ricordato la mamma delle sorelle March in Piccole donne. Un personaggio che nel libro infonde bellezza e delicatezza…

E che dire della parte finale dove tutto trova senso e compimento, dove ogni asprezza si scioglie, dove ogni cuore ricomincia a vivere e a fiorire?

Stupendo il senso che ho trovato nella lettura de “Il giardino segreto”… è come se l’autrice ci invitasse a lasciare andare i pensieri negativi che influenzano la nostra vita, la “paralizzano” e rischiano di farla morire per fare spazio alla speranza, al cambiamento, alle relazioni positive che ci danno il coraggio di credere e coltivare il nostro “giardino segreto”… quello scrigno che racchiude la nostra anima e che ci fa rifiorire ogni volta che guardiamo la vita con occhi nuovi.

Una lettura consigliata a tutte le età, un piccolo gioiello letterario che apre il cuore alla speranza, alla fiducia e alle relazioni sane… e che meraviglia le descrizioni della natura che rifiorisce, sembra quasi di vedere e di essere presenti nel giardino.

Un classico che porta con sé tanta dolcezza, tenerezza e la forte speranza che tutto può sempre cambiare!

Roberta Salis

Condividi sui social

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina