Misery

 

Autore: Stephen King

Traduttore: Tullio Dobner

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Pickwick

Pubblicato nel gennaio 2014

Pag. 400

 

DESCRIZIONE DEL LIBRO

Paul Sheldon, un celebre scrittore, viene sequestrato in una casa isolata del Colorado da una sua fanatica ammiratrice. Affetta da gravi turbe psichiche, la donna non gli perdona di aver “eliminato” Misery, il suo personaggio preferito, e gli impone tra terribili sevizie di “resuscitarla” in un nuovo romanzo. Paul non ha scelta, pur rendendosi conto che in certi casi la salvezza può essere peggio della morte…

 

RECENSIONE

Carissimi Amanti dei libri…

Vi è mai capitato di vedere un film e di amarlo alla follia? È ciò che mi è successo per anni con il film “Misery non deve morire” in cui i protagonisti sono Kathy Bates e James Caan… ma leggere il libro è stato ancora più scioccante!

“Misery” è un capolavoro di Stephen King, uno di quei libri che rischiano di togliere il sonno perché vuoi vedere come va a finire, uno di quei libri che tiene i lettori sul filo del rasoio e con il fiato sospeso per tutto il tempo!

I protagonisti sono due: Paul Sheldon, uno celebre scrittore statunitense e Annie Wilkes, una fanatica ammiratrice di Sheldon, con un passato non proprio esemplare.

Paul Sheldon, dopo aver concluso di scrivere “Bolidi”, il suo ultimo romanzo, si mette in viaggio a bordo della sua vecchia auto in compagnia del suo manoscritto. Un’improvvisa tempesta di neve e le strade ghiacciate lo fanno finire fuori strada e nell’impatto perde conoscenza. Il suo corpo è incastrato nelle lamiere dell’auto e rischia di morire congelato. Fortunatamente, forse, viene salvato!

Una donna, che casualmente passava su quella strada, trova la sua macchina e lo estrae dalle lamiere… lei non è una persona qualunque, è Annie Wilkes, una donna che si considera la fan numero uno di Paul Sheldon e che senza pensarci troppo lo porta nella sua casa isolata nel Colorado. Paul non si accorge di nulla perché per lungo tempo resta privo di coscienza. Innamorata del suo scrittore preferito e innamorata dell’eroina inventata dallo scrittore, “Misery”, la donna che anni prima esercitava la professione di infermiera, si prende cura di lui in modo professionale e a volte un po’ ossessivo.

Quando la donna scopre che lo scrittore ha fatto morire nel suo romanzo “Misery Chestain”, la sua fan numero uno, Annie, da premurosa e gentile, si trasforma in un mostro disposto a tutto pur di far risuscitare la sua eroina… e Paul Sheldon non potrà fare altro che eseguire il volere della donna perché in gioco c’è la sua vita…

Ho amato questo libro ad alto impatto psicologico. Se devo essere sincera dopo averlo letto, lo preferisco al film che comunque resta, per me, un capolavoro del cinema americano!

Anche se il libro si concentra sui dialoghi e le azioni di questi due personaggi, non vi darà tregua e la tensione che vi farà sperimentare non cesserà nemmeno dopo l’ultima pagina!

Consigliatissimo e brividi assicurati…

Roberta Salis

Condividi sui social

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina