Storia di Sergio

Autrici: Andra e Tatiana Bucci, Alessandra Viola

Edito da: Rizzoli

Collana: Ragazzi

Pag.160

Pubblicato nel gennaio 2020

 

DESCRIZIONE DEL LIBRO

Sergio ha sei anni quando un giorno la sua vita cambia per sempre. La Seconda guerra mondiale è in corso, suo padre è stato fatto prigioniero e lui e la mamma decidono di trasferirsi da Napoli a Fiume per stare insieme alla nonna, agli zii e alle cugine Andra e Tati. Lì credono di essere più al sicuro, invece una notte arrivano i rastrellamenti e vengono portati via. Inizia così il viaggio che condurrà Sergio a separarsi dalla sua famiglia e a vivere una vita completamente nuova nei campi di concentramento di Auschwitz Birkenau e Neuengamme. In entrambi questi campi esistono dei kinderblok, baracche in cui vengono alloggiati i bambini che verranno usati per gli esperimenti medici dei nazisti. Sergio è uno di loro, ma è anche un bambino coraggioso che non si perde mai d’animo. Sua madre gli ha trasmesso un irrimediabile ottimismo che lo sostiene anche nei momenti più difficili. Il suo unico obiettivo adesso è ricongiungersi a lei e per questo farebbe qualsiasi cosa…

 

 

RECENSIONE

Cari Amanti dei libri!📚
ci sono libri in cui un pezzetto di cuore
resta incastrato tra le pagine quasi come
se fosse un segnalibro… La “Storia di Sergio” non è un libro qualunque, è la storia di un bambino che dovrebbe essere felice e andare a scuola. È la storia di un bimbo che ha un papà che durante la Seconda Guerra Mondiale viene fatto prigioniero.
Sergio è un bambino “colpevole” di essere ebreo che a sei anni vede la sua vita entrare in un tunnel senza ritorno, quella del campo di concentramento di Auschwitz Birkenau prima e poi a Neuengamme, ad Amburgo…
Le sue cugine, Andra e Tatiana Bucci, con la collaborazione di Alessandra Viola, nel libro edito da @rizzolilibri ci raccontano chi è Sergio, consegnano al mondo una verità che forse non avremmo mai voluto che fosse così dura.
Nessuno dimenticherà più il suo nome e anche voi sentirete vicino al cuore Sergio e i suoi piccoli compagni di sventura.

➡️Non si può restare indifferenti leggendo questo libro, non si può sentire una morsa nel cuore che grida contro l’ingiustizia e la crudeltà dell’uomo. Siamo capaci di grandi capolavori e di assurde atrocità… e siamo noi a scegliere con la nostra vita di tutti i giorni se tenere in mano la dolcezza di una carezza o la lama di una spada.

✴ Cosa è per voi il destino❓ Credete che nella vita esista una strada già scritta per noi oppure credete che il nostro vivere sia un caso, fortuito o meno❓

Roberta Salis

Condividi sui social

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina